Maurizio Brevini lascia la Presidenza del Club Meccatronica ad Alberto Rocchi

Si è svolta nei giorni scorsi l’Assemblea del Club Meccatronica di Unindustria Reggio Emilia, che ha provveduto al rinnovo delle cariche. Maurizio Brevini dopo quattro anni di mandato da Presidente verrà succeduto da Alberto Rocchi, 57 anni, ingegnere, responsabile della Divisione Elettronica di Walvoil. Tanti i progetti che sono stati portati avanti in questi quattro anni, e che hanno contribuito ad elevare il Club a punto di riferimento del Polo della Meccatronica; tra i quali citiamo il Premio Italiano Meccatronica e l’impegno verso le StartUp di settore con il Premio SartUp Produttiva.

L’Assemblea ha anche rinnovato il Consiglio, che risulta così composto: Luigi Arnone (Kohler – Lombardini), Luca Bergonzini (Bucher Hydraulics), Alberto Castagnini (Landi Renzo), Paolo Codeluppi (Comer Industries), Marco Ferrari (Emak), Matteo Guerra (Argo Tractors), Roberto Guidi (Elettric 80), Carlo Linetti (C.O.B.O.), Claudio Ognibene (Ognibene Power), Simone Paterlini (Zivan – Gruppo ZAPI), Giuseppe Reggiani (Clevertech) e Rolando Vezzani (Corghi). Sono invitati permanenti Cesare Fantuzzi (Direttore DISMI UNIMORE) e un rappresentante del Club Digitale Unindustria e membri di diritto i past president Giannicola Albarelli (Reggiana Riduttori) e Maurizio Brevini (GB ServiceLab).

Ing. Brevini dopo 30 anni di carriera come Direttore Generale della divisione oleodinamica del Gruppo Brevini e successivamente la responsabilità tecnica di tutto il Gruppo dal 2017 si occupa di consulenza per la StartUp GB ServiceLab e svariati altri progetti. Inoltre manterrà attivo il suo contributo all’interno di Unindustria.

 

EIMA 2018: il grande evento è alle porte

La 43ma edizione di EIMA International – Bologna, 7-11 novembre – è quasi interamente definita. 

Quasi interamente completate le planimetrie, con l’assegnazione degli stand alle industrie costruttrici (ad oggi 1.930), per una manifestazione che si conferma ai vertici mondiali per ampiezza merceologica e qualità delle tecnologie. Espositori da 49 Paesi e operatori attesi da 150 Paesi confermano il carattere internazionale della rassegna, per la quale si prevede un’affluenza di pubblico non inferiore a quella record della scorsa edizione (285 mila visitatori). Pochi aggiustamenti nelle planimetrie saranno ancora possibili per fare posto a qualche aziende in lista d’attesa, ma si stima che non meno di 200 industrie richiedenti non riusciranno a prendere parte alla manifestazione per l’esaurimento di ogni spazio espositivo. I dati statistici evidenziano una crescita degli espositori esteri – che raggiungono quota 610, in rappresentanza di 49 Paesi. Molte le industrie costruttrici provenienti dall’Europa (69 dalla Germania, 49 dalla Francia, 66 dalla Spagna) ma anche da Paesi di altri continenti quali Stati Uniti (27 industrie), India (27), Cina (141) con una vastissima offerta di prodotti a copertura di oltre mille voci merceologiche.

GB ServiceLab che inaugurerà la sua stagione espositiva ad Eima 2018, in collaborazione con Officina Ghisellini , si presenterà al pubblico con uno stand moderno e concettuale, con contenuti multimediali, realizzato dall’ Arch. Mirka Brevini. Vienici a trovare al PAD. 15, STAND D42.

 

Visita dei vertici Linde Hydraulics in GB ServiceLab

Si è svolta in mattinata la visita del Top Management Linde Hydraulics presso il Plant reggiano di GB ServiceLab. E’ stata una buona occasione per mostrare la struttura in via di sviluppo e condividere i nuovi Piani Strategici aziendali, che si concretizzeranno nel Business Plan dei prossimi anni, con il principale Partner.

Presenti all’incontro J.A. Tirre Executive Vice President Linde,  M. Sprung Director Indirect Sales EMEA,  A. Bartels Director Business Development, M. Piazza CEO Linde Italia.

GB ServiceLab che sarà presente a Novembre per la prima volta ad EIMA 2018, punta sempre più ad affiancarsi alla clientela non solo nella vendita e riparazione di componenti, ma come fornitore affidabile per la progettazione sistemi e servizi correlati al mondo del Fluid Power, grazie anche alla collaborazione con Partner strategici quali Linde Hydraulics.

Grazie a Linde Hydraulics per la visita!

Chiusura Estiva Aziendale 2018

Cari Clienti e Fornitori,

con la presente siamo ad informare che quest’anno l’attività di GB ServiceLab sarà interrotta per chiusura estiva aziendale dal 6 al 24 Agosto compresi.

Riapriremo lunedì 27 Agosto.

Approfittiamo per augure a tutti Buone Ferie!

GB ServiceLab sarà presente ad EIMA International 2018

GB ServiceLab parteciperà alla 43° edizione di EIMA International, esposizione mondiale della meccanica agricola che si terrà presso il quartiere fieristico di Bologna dal 7 all’11 novembre 2018.

Attese circa 2.000 industrie costruttrici e operatori da ogni parte del mondo, che esporranno su una superficie di oltre 350 mila mq suddivisa in 14 Settori merceologici e 4 saloni Tematici ( EIMA Componenti, EIMA Green, EIMA Enegy, EIMA M.i.a).

Ma la grande novità di quest’anno è l’inaugurazione dei nuovi padiglioni 29 e 30 che verranno occupati dal 5° settore Tematico EIMA Idrotech, interamente dedicato alle tecnologie e ai sistemi per l’irrigazione.

GB ServiceLab, Start Up del settore meccatronico nata nel 2017 a Reggio Emilia, con la sua prima partecipazione ufficiale, presenterà i suoi servizi correlati al mondo dell’ oleodinamica e illustrerà i suoi obiettivi per i prossimi anni, che punteranno sempre più alla Progettazione Sistemi ed Internazionalizzazione.

Presentazione Ufficiale GB ServiceLab al Club Meccatronica RE

Nella giornata di ieri, mercoledì 18 aprile 2018, nella sede di Reggio Emilia del gruppo multinazionale COBO SpA, durante il Consiglio Direttivo del Club Meccatronica Unindustria Reggio Emilia, la GB ServiceLab si è presentata ufficialmente come startup attiva nel territorio reggiano e come nuovo membro dello stesso Club, entrando così a far parte dell’ampia rete di aziende del tessuto emiliano operanti nel campo della Meccatronica.
All’incontro sono intervenuti: Maurizio Brevini, Presidente Club Meccatronica, Davide Bezzecchi, Segretario Club Meccatronica, Luigi Arnone, per Kholer, Luca Bergonzini, per Bucher, Achille Brunazzi e Paolo Codeluppi, per Comer Industries, Alberto Rocchi, per Walvoil, Carlo Linetti, Gino Mainardi e Wolfango Cozzi, per Cobo Spa, Mirka e Marianna Brevini, per GB ServiceLab.

i soci

GB ServiceLab inaugura la nuova sede a Mancasale.

GB ServiceLab, startup reggiana del settore meccatronico nata dall’idea imprenditoriale di quattro giovani soci Marianna e Mirka Brevini, Andrea e Filippo Ghisellini, venerdì 16 marzo inaugura ufficialmente la nuova sede in via Ragazzi del ’99 a Mancasale di Reggio Emilia.
All’evento prenderanno parte autorità, clienti e partner:

“Questa sarà un occasione per illustrate la nostra officina – laboratorio e presentare i nostri progetti futuri e piani strategici. GB ServiceLab vuole diventare un punto di riferimento nel settore dei servizi correlati agli impianti oleodinamici. Fonde in modo unico flessibilità, attitudine ad innovare ed esperienza più che decennale di settore: la relazione con il cliente è intesa come un impegno quotidiano nel fornire soluzioni vincenti al momento giusto”

– spiegano i soci.
L’azienda è nata cogliendo una nuova opportunità di mercato, rappresentata dai servizi correlati al mondo dell’oleodinamica, si avvale di un team di ragazzi giovani provenienti da diverse aziende del settore, ma con alle spalle una decennale esperienza di mercato e di un team di consulenti senior.

“Dalla costituzione il 28 aprile 2017 abbiamo scelto come location il Villaggio Industriale di Mancasale, un’area strategica da anni al centro di ampi investimenti e abbiamo formato uno staff composto da tecnici specializzati e una figura amministrativa inserita tramite un tirocinio formativo. Il fattore umano per GB è davvero fondamentale, qui le persone e le capacità individuali, insieme al lavoro di squadra, ci porta al risultato finale verso il cliente. La decisione di investire sui giovani è stata da subito uno dei punti chiave della nostra strategia”

– hanno concluso i giovani imprenditori al timone della società.